Cuffie e Auricolari: un serio pericolo soprattutto per i giovani! Ecco cosa devi sapere. IL VIDEO

Cuffie e auricolari

Oggi come oggi cuffie e auricolari sono entrati a far parte della quotidianità di molte persone, sopratutto per quanto riguarda i giovani. Spesso però, se ne fa un uso smodato che provoca danni a lungo e breve termine.
A tutto vi è un limite, e come per ognuno di essi vi sono dei parametri che vanno rispettati per non incorrere in problemi seri. Ma approfondiamo meglio il tutto….
Vi basterà guardare questo video che vi abbiamo caricato per capire quanto fanno male, e che il limita tra “la comodità” ed il pericolo è davvero labile.
Ovviamente tra le cuffie e gli auricolari è preferibile scegliere le cuffie in quanto non vanno inserite nella cavità uditiva.

La Commissione Europea ha calcolato che tra i 2 e i 10 milioni di europei vanno incontro a una riduzione della capacità uditiva. E poi il rumore del traffico, i clacson e le sirene. Ogni giorno il nostro orecchio affronta “concerti” poco graditi ed al quanto rumorosi.
Tanto per iniziare, cuffie e auricolari possono distrarre l’attenzione ed utilizzarli a volumi troppo elevati possono estraniarvi dal mondo che vi circondo correndo seri pericoli. Mentre si cammina per strada o si percorre un attraversamento sono davvero pericolosissimi.
Ricordate le modella di Milano investita da un Freccia Rossa mentre attraversava i binari? Ebbene questo è solo uno degli esempio più lampanti dei tanti pericoli che possono essere collegati all’uso improprio delle cuffiette.
Il problema è che la gioventù di oggi ragiona in modo sbagliato:
“A me queste cose non capitano”. Ed è proprio qui che ci si sbaglia…

La musica hail suo fascino la l’ ascolto a decibel elevati attraverso cuffie e auricolari è un pericolo per la salute delle orecchie. Ora dagli scienziati arriva un nuovo allarme.
Infatti, un gruppo di ricercatori di un’università belga, dopo aver condotto una serie di test, ha scoperto che la musica “sparata” direttamente nei padiglioni auricolari  causa danni temporanei e permanenti all’ udito. Questo soprattutto se la pratica “dell’ascolto indisciplinato” si reitera nel tempo.

Conducendo degli esperimenti su giovani tra i 18 e i 28 anni si è visto che dopo in periodo un periodo di esposizione a volumi elevati per circa un ora, l’udito di chi ascoltava si presentava con evidenti anomalie uditive e danni a carico delle orecchie. Per alcuni si sono avuti danni temporanei per altri invece, danni permanenti. Dopo ogni ascolto nei ragazzi è stata riscontrata una parziale perdita dell’udito.

«Ascoltare la musica a tutto volume rappresenta uno stress uditivo continuo che può portare a un calo precoce dell’udito – afferma Luca Malvezzi, specialista dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria in Humanitas – e purtroppo assistiamo a una crescita di questi casi più che in passato».
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook


Dunque se avete figli che perseverano con queste brutte abitudini fate leggere loro questo articolo e mostrategli il video affinché possano aprire gli occhi. Fate in modo che correggano il loro comportamento al fine di evitare gravi patologie in un futuro non molto lontano.
Un domani potrebbero rimpiangere tutto questo!

GUARDA ANCHE QUESTO INTERESSANTISSIMO VIDEO.

Precedente Ti scappa la pipì? Ecco l' abitudine sbagliata che tutti abbiamo! E' importante sapere Successivo Stare bene con se stessi aumentando la propria autostima. I consigli di Raffaele Morelli!
AGGIUNGI UN COMMENTO